Seleziona il tuo paese per visualizzare le informazioni corrette / Select your country to display the correct information
Switzerland
INFOLINE  0840 888 555
logo
gravidanza
 

Le ultime novità sulle cellule staminali e su Genico

20/06/2014
Ministero della Salute: sì alla conservazione dedicata del sangue cordonale per tre nuove patologie

Sindrome di Down, Neurofibromatosi di Tipo I e Immunodeficienze acquisite si aggiungono all’elenco di patologie per cui in Italia è ammessa e gratuita la conservazione in una banca pubblica delle cellule staminali del sangue cordonale alla nascita per uso autologo.
Con Decreto Legislativo n. 137, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale lo scorso 14 giugno, il Ministero della Salute ha approvato la richiesta del Centro Nazionale Sangue (CNS) e del Centro Nazionale Trapianti (CNT), di aggiungere tali patologie a quelle già elencate nell’Allegato 1 al Decreto 18 novembre 2009 (Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo-dedicato).

La motivazione che sancisce la modifica, è la seguente, come si legge nel Decreto: le patologie citate «costituendo condizioni morbose predisponenti lo sviluppo di neoplasie, possono avvalersi del trapianto di cellule staminali emopoietiche del sangue del cordone ombelicale». Da oggi dunque, per feti affetti da queste malattie, le cellule staminali del sangue cordonale saranno conservate gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale per tenerle a disposizione del nascituro.

Le malattie riportate nei due Decreti sono parte di quelle per cui a livello internazionale il trapianto di cellule staminali emopoietiche (che si trovano nel midollo osseo e nel sangue cordonale) è approvato come terapia standard. Per alcune patologie il trapianto costituisce la sola terapia, per altre l’uso di cellule staminali viene scelto nel momento in cui la medicina classica sia inefficace o il decorso della malattia è particolarmente aggressivo.
Altre news
 
I nostri consulenti rispondono senza impegno a qualsiasi domanda
Clicca qui per essere ricontattato
Inviaci i tuoi dati e sarai ricontattato al più presto dal tuo consulente di zona
Cliccando 'Invia' autorizzi Genico al trattamento dei tuoi dati